mercoledì 20 gennaio 2010

FILETTI DI PESCE CON PANNA E POMODORINI


Questa ricetta è un passepartout, infatti si può realizzare con qualsiasi filetto di pesce, io l'ho preparata con filetti di Pollok che è un parente del merluzzo e quando lo prepari ti fa puzzare le mani per tre giorni!
Ne avevo comprato un sacchettone da Picard e dopo averlo preparato in diversi modi, più o meno soddisfacenti, ho deciso di proporvi questa ricetta che probabilmente gli rende più giustizia

Filetti di pollok con panna e pomodorini

dosi per 3 persone

3 filetti di Pollok
12 pomodorini tipo ciliegia
1 scalogno
3 cucchiai di panna da cucina
il succo di mezzo limone
burro una noce
erbe a scelta (prezzemolo, timo, erbe di provenza)

come si fa:

scongelate i filetti di pesce, sciacquateli e controllate che non abbiano spine, asciugateli con carta scottex e teneteli da parte.

sbucciate e tritate lo scalogno, fatelo appassire in padella con il burro e un goccettino di acqua (non deve prendere colore altrimenti diventa amaro) lasciatelo stufare per una decina di minuti a fuoco lento e coperto.

Nel frattempo tagliate a metà i pomodorini salateli e capovolgeteli per far perdere loro un po' d'acqua.

quando lo scalogno è cotto e l'acqua evaporata, aggiungete i pomodorini e fate saltare il tutto per 2 o 3 minuti. Versate pomodorini e scalogno in un piatto e tenete da parte.

Nella stessa padella adagiate i filetti di pesce e fateli rosolare per pochi minuti, aggiungete il succo di limone e fatelo evaporare (ci vuole un attimo), aggiungete i pomodori tenuti da parte e la panna, terminate con una spolverata di erbette aromatiche.
Fate saltare per un minuto e impiattate.

Come vedete è un piatto molto veloce che potete accompagnare con un'insalata di patate e olive.

Buon appetito



16 commenti:

  1. Innanzitutto grazie per le spiegazioni sulla cottura delle patate, penso che le farò presto!
    Riguardo al pollock, sbaglio o non ti convince del tutto?

    RispondiElimina
  2. Onde: ahahahah, non sbagli! Ho mangiato pesci migliori, la ricetta comunque è molto gustosa :DDDD

    RispondiElimina
  3. Molto interessante! Me la sono segnata! Laura

    RispondiElimina
  4. particolare e interessante! da provare!

    RispondiElimina
  5. Io il pollok non lo conosco..ma la ricetta m'ispira, la posso provare anche con un altro pesce che dici?
    :D Ciao Arianna

    RispondiElimina
  6. Mamma che buoni che sono quei filetti! Ti confessiamo di non conoscere il pollock, ma come dici tu vanno bene tutti i filetti di pesce e nel freezer ne abbiamo diversi di rombo, che aspettano solo di finire sul fornello!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  7. io il pollock credo di non averlo neanche mai assaggiato!
    però il metodo di cottura dev'essere ottimo, anche se solitamente non uso mai la panna da cucina (i motivi sono anche legati al gusto, che un po' mi stucca, non solo alla quantità lipidica presente eheh)!

    *

    RispondiElimina
  8. Quel pesce non lo conoscevo proprio!!!! Una ricetta paticolare vista l'aggunta della panna.. però mi piace! è gustosa.. bacioni :-)))

    RispondiElimina
  9. Tutti: Anche per me fino a poco tempo fa Pollock evocava solo quei quadri fatti di schizzi di pittura (Jackson Pollock).
    Invece è anche un tipo di merluzzo e come tale ne ricorda molto il sapore.

    La presenza di panna nella ricetta è dovuta all'origine, Questa ricetta mi è stata data infatti dai miei zii bretoni

    La ricetta è riproducibile con qualsiasi pesce.

    Grazie a tutti della vostra visita ;)

    RispondiElimina
  10. una ricetta gustosissima che si presta davvero a moltissime varieta'di pesce :)

    RispondiElimina
  11. Cara Eli, farò tesoro dei tuoi consigli per cucinare le patate!mi sembrava di aver letto già da qualche parte qlc sull'amido. sai ho letto su un libro americano qlc in più sull'agar agar.con ingredienti come cioccolata, rabarbaro e spinaci fa fatica a legare perchè ricchi in acido ossalico.e anche con fragole e limoni(o arance)bisognerebbe usarne di più. anche mango, kiwi, ananas, sembra che contengano enzimi che impediscono un pò l'effetto dell'agar agar.bacioni

    RispondiElimina
  12. Ciao, Eli!
    Non conoscevo il pesce Pollok, pensa te!.. Ma mi piace un sacco il tuo modo di servirlo, bello e delicato! E vogliamo parlare di quel fumo che si alza dal piatto?..
    Grazie, cara, per essere passata da me, mi serviva..
    Un bacio

    RispondiElimina
  13. interessante e sembra pure veloce ;)

    RispondiElimina
  14. Poremmo fare così: tu ti impuzzonisci le mani mentre prepari il pesce e io me lo mangio...funziona o no??
    Un bacione

    RispondiElimina
  15. Hi Eli, your recipes look delicious! I'll be back to see more :)

    RispondiElimina
  16. Rossa: sono fiera del fumino che sono riuscita a immortalare eheheh!

    Anna: si è velocissimo e quindi...pratico!

    Mammazan: ahahah questo è uno dei motivi per cui il pesce di solito lo mangio al ristorante mani e casa rimangono al riparo da odori sgradevoli!

    cally: you are welcome on my blog ;)

    RispondiElimina

Un sentito grazie ai lettori che mi lasciano un commento. Non esitate a chiedere se avete qualche dubbio, vi risponderò direttamente nel vostro blog o qui se non avete un blog

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin