martedì 25 gennaio 2011

I GIORNI DELLA MERLA

Fra poco arriveranno...i tre giorni più freddi dell'anno, o così dice la leggenda!
La prima volta che l'ho sentita è stato tanti, tanti, taaaaanti, ma taaaaanti (si vabbè non esageriamo, non sono mica Matusalemme!) anni fa.
Ero alle elementarai e la maestra ci lesse questa bella storia, o almeno così mi sembrò, poi, come si usava allora corredai la mia serie di pensierini sul racconto con un bel disegno.
Una enorme merla su un tetto, accanto ad un camino dal quale usciva un fumo spropositato.

In un impeto di nostalgia, ho ridisegnato la storia.
La volete leggere?
C'è ancora l'enorme merla e il fumo spropositato!
Ma come tutte le storie che si rispettano...

C'era una volta...


Un piccolo e freddo villaggio...


dove viveva una candida merla con i suoi "merletti"
Ma un giorno...


arrivò il vento gelido di Gennaio!
La povera merla non sapeva più dove andare per tener al caldo la sua famigliola...


Finché vide un camino più grande degli altri su una casetta.
"Ecco" disse la merla "mi riparerò li con i miei piccoli, almeno finché questo vento gelido non smette!"
La merla rimase nascosta per tre giorni all'interno del camino, poi quando smise di fare così freddo...


Finalmente uscì!
Ma la permanenza nel camino, insieme al fumo, aveva annerito la nostra merla e i suoi "merletti".
Da quel giorno...tutti i merli diventarono neri!

E voi, conoscete altre leggende sul freddo?

27 commenti:

  1. A parte scoprire di aver sempre fatto confusione tra i giorni della merla e quelli della candelora, ho anche scoperto una leggenda che non conoscevo. Sapevo invece di questi detti legati alla festa della candelora
    "Per la santa Candelora
    se nevica o se plora
    dell'inverno siamo fora;
    ma se l'è sole o solicello
    siamo sempre a mezzo inverno"

    "Delle cere la giornata
    ti dimostra la vernata,
    se vedrai pioggia minuta
    la vernata fia compiuta,
    ma se vedi sole chiaro
    marzo fia come gennaro"

    e a questo punto spero che piova!
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. Embè.. spero piova anche io!!! ahahaha
    ;a che bella storiella dei 3 giorni della merla..tu bravissima.. la tua creatività e fantasia emergono sempre!! smackkk

    RispondiElimina
  3. Conosco benissimo questa leggenda, tu l'hai descritta benissimo, come solo tu sai fare!!!

    RispondiElimina
  4. Federica:
    eheheheh, per me è il contrario, so quando sono i giorni della merla e non quelli della candelora!
    Grazie per le filastrocche :))))

    Claudia: Qui piove anche troppo spesso, e se non piove c'è il "Nebiun"
    Brrrrrr!
    In questi giorni fa freddissimo ma almeno c'è il sole! Una rarità!

    Solema: Grazie! :)

    RispondiElimina
  5. Quante belle cose nel tuo blog!! Mi rende allegra in questi giorni freddi freddi!

    RispondiElimina
  6. Bella questa storiella, semplice ma che rimaneva impressa nella memoria come tante cose dei "nostri tempi".

    Valerio

    RispondiElimina
  7. Bellissime queste casette come tutto cio' che fai sempre tu. Bacione.

    RispondiElimina
  8. Ma la storia non la conoscevo!! A dire la verità ho conosciuto il detto non tanti anni fa grazie ad una mia amica (in realtà l'avevo resa in giro appena aveva detto questa cosa!).
    Bellissima la tua interpretazione!
    baci baci

    RispondiElimina
  9. una storiella che grazie alle tue raffigurazioni non mi scorderò più. ciao

    RispondiElimina
  10. che carina la storia dei giorni della merla, non la conoscevo! e che brava, le casette di giornale con le porte e finestre fatte con i blister delle pasticche!! troppo carine, questo si che si chiama riciclo creativo!!
    sempre bravissima, stasera quando metto a letto il mio bimbo gli racconterò questa storia...
    ciao
    Mirka

    RispondiElimina
  11. Più o meno ricordo quando sono i giorni della merla ma la storia non la conoscevo proprio..
    Preziosa come sempre!!
    Baci

    RispondiElimina
  12. Pensavo di aver riproposto una storia che conoscono anche i sassi, invece noto con piacere che per molti è una novità.
    Credo sia una fiaba di origine lombarda.

    Grazie per essere passati di qua ;)

    RispondiElimina
  13. A scuola io racconto questa....cioè due anni fa l'ho raccontata...ora sono in quinta ci limitiamo a ricordare i giorni della merla.
    Le tue illustrazioni sono belle belle, l'anno prossimo che frequenterò la classe prima prenderò sicuramente spunto da questo tuo post, allegro, sintentico e soprattutto artistico....grazie!
    Buona giornata
    mariuccia

    RispondiElimina
  14. Mariuccia:
    sarò felicissima se utilizzerai questa storia e le mie illustrazioni nella tua classe.
    Grazie

    RispondiElimina
  15. Ma tu hai idea di quanti anni sono che cercavo di ricordare questa leggenda? Grazie per avermela fatta riscoprire... e, comunque, qui i giorni della merla mi sa che sono già cominciati...

    RispondiElimina
  16. Onde:
    anche qui :(
    ma almeno splende il sole!

    RispondiElimina
  17. Stavo aspettando un post come questo, per fortuna tu ci hai pensato, grazie!

    RispondiElimina
  18. che belli i tuoi merli!! bravissima

    RispondiElimina
  19. brava come sempre...sto bene ho trovato lavoro sono presa. ti seguo quando posso, se passa di qua Isafragola le faccio tanti auguri di buon anno (non riesco piu' a inserire post sul suo blog)..e anche a te cara auguro un meraviglioso anno nuovo, in mega ritardo. Lisette

    RispondiElimina
  20. che goloso questo blog, specie quella teglia piena di patate e verdure a fondo pagina! deliziosa! ma sono tutte buonissime! eccomi tra i tuoi lettori per leggermi con calma tutte le tue ricette! bravissima! :*

    RispondiElimina
  21. Ciao Eli
    la leggenda dei giorni della merla la conoscevo così come l'hai raccontata tu, ma la cosa veramente spettacolare sono i disegni!!! bellissimi ... un abbraccio Patrizia

    RispondiElimina
  22. Eh eh eh, cara Eli!!! Sì, sì proprio telepatia! Molto bella la favola della merla, è universale, la conosco ma mi piace sempre molto leggerla!

    RispondiElimina
  23. sai fare sempre delle cose magnifiche ma sopratutto molto belle, gradevoli, colori abbianti con grande classe che sanno mettere di buon umore

    RispondiElimina
  24. Che post favoloso! Non conoscevo assolutamente la storia della merla e tu, con materiali semplici e molto talento, l'hai illustrata benissimo, il freddo sembra davvero di sentirlo addosso e poi...i "merletti", che ridere!

    RispondiElimina
  25. Grazie a tutti per i vostri commenti.
    Siete fantastici!
    Mentre li leggevo mi è venuta un'idea, cercherò altre brevi storie o leggende legate alla stagionalità da illustrare ;)
    Grazie, un bacione!

    RispondiElimina
  26. Ciao Eli
    Federico ed io sabato abbiamo riprodotto a modo nostro i tuoi bellissimi disegni, posso farli vedere? naturalmente dicendo che sono una tua idea!!!
    grazie e a presto Patrizia

    p.s. dai bella l'idea di illustrare le storie legate alle stagioni ... carnevale ... pesce d'aprile ...

    RispondiElimina

Un sentito grazie ai lettori che mi lasciano un commento. Non esitate a chiedere se avete qualche dubbio, vi risponderò direttamente nel vostro blog o qui se non avete un blog

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin